For questions
Contact us!
 
Hello, Guest!
 
 
 
 
Cambia Interessi
 
 
 
Colecalciferol - Vitamin D 3
"Descrizione"
by FRanier (6260 pt)
2019-Nov-01 18:36

Review Consensus: 9 Rating: 9 Number of users: 1
Evaluation  N. ExpertsEvaluation  N. Experts
1
  
6
  
2
  
7
  
3
  
8
  
4
  
9
  1
5
  
10
  

La vitamina D si riferisce a due composti, vitamina D2 ergocalciferolo e vitamina D3 colecalciferolo.

La vitamina D2 deriva dall'irradiazione dello sterolo vegetale, l'ergosterolo ed è fornita dagli alimenti che assumiamo. La vitamina D3 ha origine da un composto cutaneo mediante sintesi endogena. La vitamina D fu inizialmente descritta al tempo della rivoluzione industriale, quando l'Inghilterra affrontò il rachitismo; da allora, la relazione tra vitamina D e metabolismo calcio-fosforo non è mai stata discussa. Tuttavia, negli ultimi quattro decenni, sono state evidenziate altre attività di vitamina D. In realtà, la vitamina D è considerata un neurormone che regola la crescita e la proliferazione cellulare e l'immunomodulazione (1). 

Vitamina D3 , malattia dell'occhio secco e infiammazioni oculari

Per indagare sull'efficacia delle rotture artificiali contenenti lipidi (CLAT) a base di carburo topico e ialuronato (HU) in pazienti con malattia dell'occhio secco (DED) a base di livelli di 25-idrossivitamina D (25HD) sierici e supplementazione di colecalciferolo (vitamina D). L'effetto di CLAT e HU topici dipendeva dai livelli sierici di 25HD. La supplementazione di colecalciferolo ha aumentato l'efficacia del trattamento topico e può essere un'utile terapia adiuvante per i pazienti con DED refrattario ai lubrificanti topici (2).

La scarsa permeabilità corneale, il drenaggio nasolacrimale e il requisito della somministrazione continua sono i maggiori svantaggi delle terapie esistenti per l'infiammazione oculare. In questo studio sono state progettate micelle topiche di PEG2000 coniugate con colecalciferolo (PEGCCF). L'integrazione di micelle PEGCCF caricate con tacrolimus(TTM) è un innovativo sistema di rilascio per migliorare l'infiammazione oculare (3).

Vitamina D3 e perdita di peso

L'obesità, una condizione cronica associata a diverse malattie potenzialmente letali, colpisce una percentuale significativa della popolazione globale ed è stata a lungo associata alla carenza di vitamina D. Sulla base dei risultati, un integratore di Ca e vitamina D3 combinato sembra aiutare la perdita di peso e migliorare alcuni dei profili metabolici del sangue nelle donne obese sottoposte a una dieta dimagrante, supportando così questa ipotesi di studio (4).

Vitamina D3 come profilassi in pazienti con iperplasia prostatica benigna

Per esplorare il ruolo del colecalciferolo nella profilassi contro l'infezione del tratto urinario ricorrente (UTI) in pazienti con iperplasia prostatica benigna (BPH), la supplementazione di colecalciferolo adiuvante può essere protettiva contro l'UTI recidivante tra i pazienti con BPH che ricevono la terapia con tamsulosina senza effetti avversi aggiuntivi (5).

Vitamina D3 in gravidanza

In sintesi, gli studi clinici osservazionali e randomizzati presentano un chiaro messaggio: 4.000 IU / d di supplementazione di vitamina D3 sono vantaggiosi sia per la madre che per il feto in via di sviluppo attraverso l'ottimizzazione del metabolismo della vitamina D che va oltre l'omeostasi classica del calcio e delle ossa. Mentre è necessario un ulteriore lavoro per determinare quale sia la dose ottimale di integrazione di vitamina D durante la gravidanza poichè la stessa si basa su varie differenze genotipiche per la proteina legante la vitamina D e il recettore della vitamina D, l'indice di massa corporea, lo stato al momento del concepimento e altri fattori come l'esposizione alla luce solare e la latitudine, basate sul nostro lavoro e su quello degli altri, si ritiene che tutti gli individui, comprese le donne in gravidanza, debbano raggiungere una concentrazione di 25 (OH) D bersaglio di 100 nmol / L (40 ng / mL). A causa delle differenze individuali in ciò che è necessario per raggiungere questa concentrazione target di 25 (OH) D, si ritiene che tutte le donne debbano consumare almeno 4.000 UI / die vitamina D3 prima del concepimento e per tutta la gravidanza (6).

Vitamina D3 e diabete tipo 1

Recenti studi prospettici hanno trovato le associazioni tra diabete di tipo 1 (T1D) e carenza di vitamina D. E' stato studiato il ruolo della vitamina D nella regolazione dell'enzima 25OHD-1α-idrossilasi (CYP27B1) e VDR in diversi tessuti dei ratti T1D. Il deficit di vitamina D indotto da T1D è associato a menomazioni dell'espressione di CYP27B1 e VDR renale ed extrarenale. Il colecalciferolo può essere efficace nel miglioramento delle anormalità associate al diabete nel sistema vitamina D-endo / para / autocrino (7).

Lo scopo di questo studio era di esaminare gli effetti dell'integrazione di vitamina D in pazienti con diagnosi di diabete di tipo 1 (T1D) valutati dal fabbisogno di insulina e cambiamenti negli indici glicemici, come evidenziato da studi randomizzati controllati (RCT). L'integrazione di vitamina D sotto forma di alcalcidolo e colecalciferolo sembra essere utile nel trattamento dei pazienti con T1D attenuando la storia naturale della malattia (8).

Formula molecolare : C28H44O   

Peso molecolare : 396.659

CAS :   8017-28-5                     

Bibliografia_____________________

(1) The immunological implication of the new vitamin D metabolism.

Bivona G, Agnello L, Ciaccio M.

 Cent Eur J Immunol. 2018;43(3):331-334. doi: 10.5114/ceji.2018.80053. Epub 2018 Oct 30. Review.

(2) Vitamin D Enhances the Efficacy of Topical Artificial Tears in Patients With Dry Eye Disease.

Hwang JS, Lee YP, Shin YJ.

 Cornea. 2018 Dec 7. doi: 10.1097/ICO.0000000000001822.

(3) Tacrolimus Loaded PEG-Cholecalciferol Based Micelles for Treatment of Ocular Inflammation.

Kutlehria S, Vhora I, Bagde A, Chowdhury N, Behl G, Patel K, Singh M.

 Pharm Res. 2018 Apr 16;35(6):117. doi: 10.1007/s11095-018-2376-7.

(4) A high weekly dose of cholecalciferol and calcium supplement enhances weight loss and improves health biomarkers in obese women.
Subih HS, Zueter Z, Obeidat BM, Al-Qudah MA, Janakat S, Hammoh F, Sharkas G, Bawadi HA.
Nutr Res. 2018 Nov;59:53-64. doi: 10.1016/j.nutres.2018.07.011. 

(5) Cholecalciferol for the prophylaxis against recurrent urinary tract infection among patients with benign prostatic hyperplasia: a randomized, comparative study.

Safwat AS, Hasanain A, Shahat A, AbdelRazek M, Orabi H, Abdul Hamid SK, Nafee A, Bakkar S, Sayed M.

 World J Urol. 2018 Oct 25. doi: 10.1007/s00345-018-2536-8

(6) The Implications of Vitamin D Status During Pregnancy on Mother and her Developing Child.

Wagner CL, Hollis BW.

Front Endocrinol (Lausanne). 2018 Aug 31;9:500. doi: 10.3389/fendo.2018.00500. 

(7) Effects of Cholecalciferol on Key Components of Vitamin D-Endo/Para/Autocrine System in Experimental Type 1 Diabetes.

Mazanova A, Shymanskyi I, Lisakovska O, Hajiyeva L, Komisarenko Y, Veliky M.

Int J Endocrinol. 2018 Feb 6;2018:2494016. doi: 10.1155/2018/2494016. 

(8) The Effects of Vitamin D Supplementation in Newly Diagnosed Type 1 Diabetes Patients: Systematic Review of Randomized Controlled Trials.

Gregoriou E, Mamais I, Tzanetakou I, Lavranos G, Chrysostomou S.

 Rev Diabet Stud. 2017 Summer-Fall;14(2-3):260-268. doi: 10.1900/RDS.2017.14.260. 

Evaluate
 
 
 
Events