For questions
Contact us!
 
Hello, Guest!
 
 
 
 
Cambia Interessi
 
 
 
Sodium lactate
"Descrizione"
by Ark90 (6430 pt)
2019-Jan-18 14:08

Review Consensus: 8 Rating: 8 Number of users: 1
Evaluation  N. UsersEvaluation  N. Users
1
  
6
  
2
  
7
  
3
  
8
  1
4
  
9
  
5
  
10
  

Cos'è il Lattato di sodio

Il Lattato di sodio o Sodium lactate è un sale naturale ottenuto dalla fermentazione dell'acido lattico.

A cosa serve 

Viene usato in campo alimentare come additivo antiossidante con la sigla E325 ed in molte applicazioni in medicina.

La Lesione cerebrale traumatica (TBI) a seguito di aumento della pressione intracranica (ICP) è un caso di neuroemergenza che dovrebbe essere gestito prontamente per prevenire lesioni cerebrali secondarie. Ciò porterà a una condizione chiamata disfunzione di energia cerebrale, che è un fattore determinante importante verso l'esito peggiore. Il lattato, che era storicamente noto come prodotto di scarto finale, ora è considerato un combustibile energetico cerebrale alternativo. Il lattato di sodio ipertonico (HSL) è un fluido iperosmolare promettente che serve non solo a diminuire l'ICP ma anche a fornire prontamente lattato esogeno per soddisfare l'aumento della domanda di energia cerebrale. Studi pionieristici hanno dimostrato l'innocuità e l'utilità dell'HSL nel trattamento delle condizioni patologiche incluso il TBI (1).

Obiettivo di questo studio era indagare gli effetti metabolici e cardiaci della somministrazione endovenosa di due soluzioni ipertoniche - 3% di soluzione salina (SAL) e 0,5 M di lattato di sodio (LAC). La somministrazione di SAL o LAC ha effetti opposti su variabili di base acide come la differenza di ioni semplificata. L'infusione di fluido ipertonico porta ad un aumento del precarico cardiaco e delle prestazioni con Sm, suggerendo una migliore funzione sistolica ventricolare sinistra durante il LAC rispetto a SAL. Le soluzioni ipertoniche lattate dovrebbero essere valutate come fluidi di rianimazione (2).

Il lattato di sodio sembra migliorare l'equilibrio dei liquidi ed evitare il sovraccarico di liquidi. L'obiettivo di questo studio era di determinare se questi effetti benefici possono essere almeno in parte spiegati da un miglioramento della trombosi microvascolare renale associata a coagulazione intravascolare (DIC) disseminata. In questo studio, riportiamo che il lattato di sodio migliora la trombosi microvascolare renale associata a DIC e preserva il tasso di filtrazione glomerulare. Questi risultati potrebbero almeno in parte spiegare il migliore bilancio idrico osservato con l'infusione di lattato di sodio (3).

Le soluzioni iperosmolari sono state utilizzate in neurochirurgia per modificare la massa del cervello. Lo scopo di questo studio sugli animali era di confrontare gli effetti a breve termine delle soluzioni equivolemiche equiosmolari di soluzione salina ipertonica (HTS) e lattato di sodio (HTL) sulla microcircolazione cerebrale e l'ossigenazione del tessuto cerebrale in un modello di craniotomia di coniglio. I risultati suggeriscono che equivolemie, equiosmolare HTS e soluzioni HTL preservano ugualmente la perfusione della microcircolazione cerebrale corticale in un modello di craniotomia di coniglio. L'uso dell'HTS si è rivelato migliore nel prevenire il peggioramento della tensione dell'ossigeno nel tessuto cerebrale (4).

Il lattato di sodio ipertonico (HTL) espande il volume intravascolare e può fornire un substrato alternativo per il metabolismo cellulare nella sepsi. Abbiamo confrontato gli effetti di HTL, soluzione salina ipertonica (HTS), salina allo 0,9% ("normale") e lattato di Ringer (RL) sull'emodinamica, sulla microcircolazione sublinguale e renale, sulla perfusione renale, mesenterica e cerebrale, sul metabolismo renale e cerebrale, e sopravvivenza in pecore adulte anestetizzate, ventilate meccanicamente...In conclusione, in un modello ovino di shock settico, la somministrazione di HTL è stata associata a perfusione tissutale compromessa con inizio più precoce e tempo di sopravvivenza più breve. Queste osservazioni sollevano preoccupazioni sull'uso di HTL nello shock settico (5).

Una rianimazione fluida nei malati critici è un argomento scottante. L'attuale strategia di rianimazione rapida e adeguata in stato di shock seguita da una somministrazione conservativa di fluidi è spesso difficile da ottenere con soluzioni standard di cristalloidi. È richiesta la ricerca di fluidi endovenosi alternativi su misura per le esigenze dei singoli pazienti. Nel precedente numero di Critical Care, Somasetia e colleghi confrontavano gli effetti di lattato di sodio ipertonico con la strategia di rianimazione raccomandata   dall'Organizzazione Mondiale della Sanità : il lattato di Ringer nei bambini con grave dengue, un'infezione virale per la quale  il trattamento e la vaccinazione non sono disponibili. I risultati suggeriscono non solo un metabolismo intatto del lattato durante lo shock nei bambini, ma documentano un miglioramento della funzione della barriera endoteliale, una limitata coagulopatia ed evitano inoltre il sovraccarico di liquidi con il lattato di sodio ipertonico. Il loro studio porta a domande importanti a cui rispondere. L'ipertonicità o il lattato sono di per sé importanti per gli effetti benefici? Gli effetti metabolici o anti-infiammatori sono responsabili? Il lattato in stato di shock è una risposta adattativa? La riduzione dei livelli di lattato dovrebbe essere l'obiettivo della rianimazione? Queste domande possono innescare ulteriori ricerche sul ruolo dei lattati e dei fluidi endovenosi a base di lattato nella rianimazione dei malati critici (6). 

Trattamenti ad alta pressione (400 e 600 MPa) combinati con l'aggiunta di lattato di sodio (1 e 3%) sono stati testati per ridurre l'Escherichia coli O157: H7 (STEC O157) e la contaminazione da microbiota di deterioramento in un carpaccio di manzo fresco o congelato .... La letalità dei trattamenti ad alta pressione su STEC O157 è stata migliorata nel carpaccio congelato, mentre l'aggiunta di lattato di sodio al 3% ha ridotto la letalità su STEC O157 in campioni congelati e il grado di lesioni nel carpaccio fresco (7).

Formula molecolare : C3H5NaO3

Peso molecolare : 112.06 g/mol

CAS : 72-17-3   312-85-6   867-56-1

Sinonimi

Lactic acid, monosodium salt

Monosodium 2-hydroxypropanoate

Lactic acid sodium salt

Monosodium lactate

Sodium DL-lactate

Bibliografia______________________

(1) Role of Hypertonic Sodium Lactate in Traumatic Brain Injury Management.

Arifianto MR, Ma'ruf AZ, Ibrahim A, Bajamal AH.

Asian J Neurosurg. 2018 Oct-Dec;13(4):971-975. doi: 10.4103/ajns.AJNS_10_17. Review.

(2) The comparative effects of 3% saline and 0.5M sodium lactate on cardiac function:a randomised, crossover study in volunteers.

Nalos M, Kholodniak E, Smith L, Orde S, Ting I, Slama M, Seppelt I, McLean AS, Huang S.

Crit Care Resusc. 2018 Jun;20(2):124-130.

(3) Sodium lactate improves renal microvascular thrombosis compared to sodium bicarbonate and 0.9% NaCl in a porcine model of endotoxic shock: an experimental randomized open label controlled study.

Duburcq T, Durand A, Tournoys A, Gnemmi V, Gmyr V, Pattou F, Jourdain M, Tamion F, Besnier E, Préau S, Parmentier-Decrucq E, Mathieu D, Poissy J, Favory R.

Ann Intensive Care. 2018 Feb 14;8(1):24. doi: 10.1186/s13613-018-0367-9

(4) Effects of Hypertonic Saline and Sodium Lactate on Cortical Cerebral Microcirculation and Brain Tissue Oxygenation.

Dostalova V, Schreiberova J, Dostalova V Jr, Paral J, Kraus J, Ticha A, Radochova V, Dostal P.

J Neurosurg Anesthesiol. 2018 Apr;30(2):163-170. doi: 10.1097/ANA.0000000000000427.

(5) The Harmful Effects of Hypertonic Sodium Lactate Administration in Hyperdynamic Septic Shock.

Su F, Xie K, He X, Orbegozo D, Hosokawa K, Post EH, Donadello K, Taccone FS, Creteur J, Vincent JL.

Shock. 2016 Dec;46(6):663-671.

(6) Is lactate the new panacea for endothelial dysfunction?

Nalos M, Tang BM, Nanan R.

Crit Care. 2014 Dec 1;18(6):614. doi: 10.1186/s13054-014-0614-x.

(7) High pressure treatments combined with sodium lactate to inactivate Escherichia coli O157:H7 and spoilage microbiota in cured beef carpaccio.

Masana MO, Barrio YX, Palladino PM, Sancho AM, Vaudagna SR.

Food Microbiol. 2015 Apr;46:610-617. doi:10.1016/j.fm.2014.10.007. Epub 2014 Oct 30

Evaluate
 
 
 
Events