For questions
Contact us!
 
Hello, Guest!
 
 
 
 
Cambia Interessi
 
 
 
Calcium
"Descrizione"
by FRanier (3972 pt)
2018-Nov-04 15:28

Review Consensus: 0 Rating: 0 Number of users: 0

In chimica il Calcio ( Simbolo Ca ) ha il numero atomico 20.

Da' origine ad una numerosa serie di composti chiamati carbonati.

In Biochimica il calcio contribuisce alla formazione ossea, dentaria, alla formazione dei gusci delle uova e nei processi di muscolatura liscia, scheletrica e del miocardio.

In Medicina viene usato nella composizione di antiacidi gastrici, come diuretico, come antidoto in intossicazioni da metalli ecc.

 In Alimentazione, la quantità di Calcio può esser un vantaggio per alcuni o uno svantaggio per altri : dipende dalla biodisponibilità dell'organismo che lo riceve.  

 Il Calcio è un minerale abbondante nel corpo umano e svolge un ruolo fondamentale in :

  • Fisiologia ossea
  • Sistema cardiovascolare

Un basso apporto di calcio è usualmente associato a :

  • osteoporosi
  • fratture ossee 

Premessa

 Nell'ultimo decennio, il numero di persone che assumono integratori di calcio in tutto il mondo è in aumento, in particolare con l'emergere di nuove società farmaceutiche specializzate nella commercializzazione di integratori alimentari e che hanno costruito il loro principale business con gli integratori di calcio. Nella pratica quotidiana, gli operatori sanitari incontrano un numero crescente di pazienti che assumono supplementi di calcio senza alcun deficit comprovato, in particolare donne anziane in postmenopausa. Questa pratica si è rapidamente diffusa nell'ultimo decennio in base al supposto ruolo del calcio nella prevenzione dell'osteoporosi e delle fratture, in particolare delle fratture dell'anca, tra la popolazione anziana.

 La maggior parte degli studi concorda sul fatto che un'adeguata assunzione di calcio è importante per la salute delle ossa e per diverse importanti funzioni fisiologiche. Ma gli effetti dell'integrazione di calcio su altri problemi di salute sono ancora controversi. Alla radice di questo dibattito è il significato del termine "adeguato" poiché il problema non è solo la quantità ma anche la qualità e la fonte di assunzione di calcio. In questo contesto, molti studi di coorte hanno mostrato un aumento del rischio cardiovascolare e della mortalità associati all'integrazione di calcio, ma non all'assunzione di calcio nella dieta. Pertanto, è generalmente ammesso che l'assunzione di calcio nella dieta è sicura rispetto alla supplementazione di calcio. Tuttavia, dal punto di vista cardiovascolare, l'apporto di calcio nella dieta mangiando cibi ricchi di calcio appare più sicuro dell'assunzione di calcio con gli integratori.

 In conclusione occorre fare attenzione al possibile rischio di un'integrazione eccessiva e inutile di calcio (1).

 Ora analizziamo gli studi scientifici ed i loro risultati.

 Ossa

 Il ruolo dell'integrazione di calcio, con o senza l'integrazione concomitante di vitamina D, è stato molto discusso in termini sia di efficacia che di sicurezza. Ci sono stati numerosi studi e meta-analisi dell'integrazione per la riduzione delle fratture e, negli ultimi anni, sono state suggerite associazioni con il rischio di infarto del miocardio. In questo rapporto, elaborato in una riunione di esperti della Società europea per gli aspetti clinici ed economici dell'osteoporosi, dell'osteoartrosi e delle patologie muscoloscheletriche (ESCEO) e della Fondazione internazionale per l'osteoporosi (IOF), viene esaminata la fondatezza delle prove del valore dell'integrazione di calcio , con o senza integrazione di vitamina D, per un sano invecchiamento muscolo-scheletrico. Si conclude che:

  • l'integrazione di calcio e vitamina D porta ad una modesta riduzione del rischio di fratture e l'intervento a livello di popolazione non ha dimostrato di essere un'efficace strategia di sanità pubblica; 
  • la supplementazione con solo calcio per la riduzione delle fratture non è supportata dalla letteratura; 
  • gli effetti collaterali dell'integrazione di calcio comprendono i calcoli renali e i sintomi gastrointestinali; 
  • l'integrazione con vitamina D, piuttosto che l'integrazione di calcio, può ridurre il rischio di cadute; 

·         Le asserzioni di aumentato rischio cardiovascolare conseguente all'integrazione di calcio non sono supportate in modo convincente dalle prove attuali. In conclusione, viene raccomandato, sulla base delle attuali prove, che l'integrazione di calcio, con concomitante integrazione di vitamina D, sia supportata solo per i pazienti ad alto rischio di insufficienza di calcio e vitamina D e in coloro che stanno ricevendo un trattamento per l'osteoporosi (2).

A causa dell'invecchiamento della popolazione, le fratture osteoporotiche sono una causa sempre più importante di morbilità e mortalità negli Stati Uniti dove, nel 2005,  si sono verificate circa 2 milioni di fratture osteoporotiche e si prevede che l'incidenza annuale aumenti fino a oltre 3 milioni di fratture entro il 2025. Dopo un anno dalla frattura dell'anca, molti pazienti non sono ancora in grado di camminare indipendentemente, più della metà richiede assistenza per le comuni attività della vita quotidiana e dal 20% al 30% dei pazienti morirà. L'USPST (US Preventive Services Task Force ) conclude che l'evidenza attuale è insufficiente per valutare l'equilibrio dei benefici e delle controindicazioni della vitamina D e dell'integrazione di calcio, da soli o composti, per la prevenzione primaria delle fratture negli uomini che vivono in comunità, negli uomini asintomatici e nelle donne in premenopausa. L'USPSTF conclude che l'evidenza attuale è insufficiente per valutare l'equilibrio dei benefici e delle controindicazioni dell'integrazione giornaliera con dosi superiori a 400 UI di vitamina D e superiori a 1000 mg di calcio per la prevenzione primaria delle fratture in comunità- dimora e donne in postmenopausa. L'USPST consiglia invece, di integrare il supplemento giornaliero di 400 UI o meno di vitamina D e 1000 mg o meno di calcio per la prevenzione primaria delle fratture nelle donne che vivono in comunità e in postmenopausa. Queste raccomandazioni non si applicano alle persone con una storia di fratture osteoporotiche, persone che possono avere un aumento del rischio di cadute o diagnosi di osteoporosi o carenza di vitamina D (3).

Gravidanza 

La supplementazione di calcio può ridurre il rischio di pre-eclampsia e può aiutare a prevenire il parto prematuro. Questo è un aggiornamento di una recensione pubblicata nel 2014.

L’integrazione alimentare con alte dosi di calcio (≥ 1 g/die) può ridurre il rischio di pre-eclampsia e parto prematuro, in particolare per le donne con diete a basso contenuto di calcio. Le prove limitate sull'integrazione di calcio a basse dosi suggeriscono una riduzione della pre-eclampsia e ipertensione, ma devono essere confermate da prove più estese e di migliore qualità (4).

Reni

La malattia renale cronica (CKD) è un problema di salute pubblica a livello mondiale, poiché è un rischio per eventi cardiovascolari e per l'incremento dell'insufficienza renale. Condizioni metaboliche come ipertensione, dislipidemia, iperuricemia e diabete sono fattori che causano disfunzione renale. I  risultati di questo studio suggeriscono che bassi livelli di Calcio nel siero possono essere un utile marker per predire il rischio di peggioramento della funzione renale in contesti clinici ordinari e quindi sono necessari  ulteriori studi che utilizzino popolazioni di coorte con periodi di follow-up più lunghi (5). 

Conclusione

Da tutti gli studi esaminati e non solo da quelli qui citati, si consiglia di fare attenzione al possibile rischio di un'integrazione eccessiva e inutile di calcio.

Formula molecolare : Ca

Peso molecolare : 40,078

CAS : 7440-70-2

_____________________________________

(1) Calcium supplementation and cardiovascular risk: A rising concern

Aurel T. Tankeu MD, Valirie Ndip Agbor MD, Jean Jacques Noubiap MD

First published: 02 May 2017 https://doi.org/10.1111/jch.13010

(2) The role of calcium supplementation in healthy musculoskeletal ageing: An Experts consensus meeting of the European Society for Clinical and Economic Aspects of Osteoporosis, Osteoarthritis and Musculoskeletal Diseases (ESCEO) and the International Foundation for Osteoporosis (IOF)

Nicholas C Harvey,Emmanuel Biver,Jean-Marc Kaufman,Jürgen Bauer,Jaime Branco,Maria Luisa Brandi,Olivier Bruyère,Veronique Coxam,Alfonso Cruz-Jentoft,Edward Czerwinski,Hans Dimai,Patrice Fardellone,Francesco Landi,Jean-Yves Reginster, Bess Dawson-Hughes,John A Kanis,Rene Rizzoli and Cyrus Cooper

Osteoporos Int. Author manuscript; available in PMC 2017 Aug 1.

Published in final edited form as:

Osteoporos Int. 2017 Feb; 28(2): 447–462.

Published online 2016 Oct 20. doi:  [10.1007/s00198-016-3773-6]

(3) Vitamin D, Calcium, or Combined Supplementation for the Primary Prevention of Fractures in Community-Dwelling Adults: US Preventive Services Task Force Recommendation Statement.

US Preventive Services Task Force, Grossman DC, Curry SJ, Owens DK, Barry MJ, Caughey AB, Davidson KW, Doubeni CA, Epling JW Jr, Kemper AR, Krist AH, Kubik M, Landefeld S, Mangione CM, Silverstein M, Simon MA, Tseng CW.

JAMA. 2018 Apr 17;319(15):1592-1599. doi: 10.1001/jama.2018.3185.

 (4) Calcium supplementation during pregnancy for preventing hypertensive disorders and related problems.

Hofmeyr GJ, Lawrie TA, Atallah ÁN, Torloni MR.

Cochrane Database Syst Rev. 2018 Oct 1;10:CD001059. doi: 10.1002/14651858.CD001059.pub5.

(5) Lower serum calcium levels are a risk factor for a decrease in eGFR in a general non-chronic kidney disease population.

Mizushiri S, Daimon M, Murakami H, Kamba A, Osonoi S, Yamaichi M, Matsumura K, Tanabe J, Matsuhashi Y, Yanagimachi M, Tokuda I, Kurauchi S, Sawada K.

Sci Rep. 2018 Sep 21;8(1):14213. doi: 10.1038/s41598-018-32627-4.

Evaluate
 
 
 
Events