For questions
Contact us!
 
Hello, Guest!
 
 
 
 
Cambia Interessi
 
 
 
Fyodor Dostoyevsky
"Breve storia di Fyodor Dostoyevsky"
by FCS777 (3182 pt)
2012-Oct-08 19:44

Review Consensus: 63 Rating: 9 Number of users: 7
Evaluation  N. ExpertsEvaluation  N. Experts
1
  
6
  
2
  
7
  
3
  
8
  
4
  
9
  7
5
  
10
  

Fyodor Dostoyevsky, uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi, nasce a Mosca nel novembre 1821.

Il suo pensiero ha anticipato profonde intuizioni filosofiche e psicologiche che avranno la loro realizzazione col pensiero del XX secolo. La raffigurazione umana possente e dolorosa, ha avuto profonda influenza su molti scrittori moderni come Franz Kafka le cui opere ricalcano e accrescono alcune tematiche di Dostoyevsky.

La vita tormentata di Dostoyevsky gli ha permesso di dettagliare personaggi di diseredati che rappresentano il conflitto tra il corpo e lo spirito.

L'infanzia di Dostoyevsky è segnata dalla figura paterna, autoritaria e da quella della madre, una donna mite che morì quando il romanziere aveva 15 anni.

Per contrastare la cupa atmosfera familiare, Dostoyevsky si rifugia nella lettura di Gogol, Balzac fino a quando su ordine del padre è costretto a studiare ingegneria a San Pietroburgo dove si laurea. Durante gli studi, il padre viene ucciso dai propri servi nell'azienda agricola di famiglia.

Freud sostenne che i fenomeni epilettici di cui soffriva lo scrittore erano dovutio al senso di colpa causato dal desiderio della morte del padre.

Nel 1844 pubblica il suo primo lavoro : una traduzione di "Eugene Grandet" di Balzac

Nel 1846 pubblica il suo primo romanzo :"Povera gente" che piacque al pubblico e alla critica soprattutto per la cura dei particolari e il tratteggio della personalità dei personaggi, qualità questa che lo accompagnerà in tutte le sue opere.

Nel 1849, per la frequentazione del Circolo Petrasevskij, dove si discuteva di socialismo utopico, viene arrestato e condannato a morte; pena successivamente commutata in 4 anni di lavori forzati in Siberia. In questo periodo scrive "La casa dei morti" ambientato in quel contesto. Dopo la sua scarcerazione la pena prevedeva che per altri 5 anni a prestasse servizio come militare di leva presso una caserma in Siberia.

Nel 1864 scrive "Delitto e castigo" dove viene sviluppato il concetto della redenzione attraverso la sofferenza.

Nel 1867 scrive "Umiliati e offesi" che ebbe un grande successo
e nello stesso anno lascia la Russia e va in Italia, a Firenze dove finisce di scrivere "L'idiota".

Nel 1880, un altro capolavoro :"I fratelli Karamazov", una tragedia familiare dalle proporzioni epiche.

Morì il 9 Febbraio 1881

Evaluate
 
 
 
Events